1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer>
assicurazioni-2012-2013
ordini-servizio-fssi
modulistica-fssi
comunicati-ufficiali-fssi-2012
rimborso-spese-fssi
calendario-fssi-2012-2013

Cucco e Telser rientrano in Italia con 1 medaglia d'oro e 3 d'argento dal Canada

PDF Stampa E-mail

cucco-telser-canada

Oggi c'è stata la gara tanto attesa. La gara della specialità olimpica del gran fondo dei 40 km di mtb, dove schieravamo il nostro forte atleta torinese Luigi Cucco.
Il percorso si è rivelato più duro e selettivo rispetto alle previsioni con un tracciato nervoso.
La sfortuna per Cucco è stata quella di forare al secondo giro che ha creato un notevole divario tra lui e gli altri favoriti. Alla fine Cucco si è dovuto ritirare.
Ha vinto il francese Girardet davanti al ceco Capek vincitore delle altre due prove (dove il nostro Cucco ha vinto due medaglie d'argento).
Alla fine il bilancio è stato esaltante: 4 medaglie, una d'oro e 3 d'argento. Una più bella dell'altra.
Con un piccolo rammarico. Vedendo la gara della corsa su strada in linea femminile, dove la nostra Telser ha vinto l'argento perdendo allo sprint contro la cinese Hoi Long.
Il rammarico è dovuto al fatto che la nostra Telser è stata marcata stretta (e circondata) dalle avversarie che le hanno impedito tutti i suoi tentativi di fuga danneggiandola.
Questo perchè le avversarie hanno notato la superiorità fisica di Renate messo in atto nella cronometro il giorno precedente.
Quindi facciamo questa osservazione: e se la gara in linea fosse stata fatta prima della crono cosa sarebbe successo?
Noi siamo arciconvinti che oggi parleremmo di 2 ori. Altro rammarico è stata l'assenza dovuta a motivi di lavoro dell'altro nostro atleta di punta: Gianfranco Monaco.
Siamo certi che oggi, se c'era lui, le cose sarebbero andati in modo completamente diverso! Ma noi siamo sportivi. Sappiamo che questo fa parte del gioco e quindi accettiamo.
Grazie Renate. Grazie Luigi. Ora godetevi il meritato riposo degli eroi. L'Italia vi aspetta al vostro rientro con molta gioia e trepidazione!
Questo articolo è stato letto: 1699 volte