E ora lo judoka Davide Stabile guarda ai mondiali di Parigi

Forse non è andata esattamente come si sperava, complice un infortunio nel primo duello, che ha condizionato il secondo incontro, ma i segnali della crescita del nostro judoka Davide Stabile sono evidenti. Il 21enne di Sant’Arsenio (Salerno) allenato dal Maestro Pietro Amendola, sia in azzurro che nella sua società di appartenenza, la New Kodokan di San Pietro al Tanagro (Sa), affiliata alla FSSI , si è piazzato 7° ai campionati Europei di Judo Deaf, a Brasschatt, in Belgio che si sono conclusi il 14 ottobre. Cruciale il sorteggio che ha spedito subito Stabile contro il campione olimpico di Samsun, l’ucraino Vladyslav Mozyrek, contro il quale ha perso all’ultimo secondo. Lo staff della FSSI volato in Belgio era composto dal Dt M° Gerardo Di Gruccio, responsabile Arti Marziali, dal fisioterapista Alessandro Trezza di Teggiano (Sa) e dal Consigliere Federale Federico Paria. “Vogliamo ringraziare di cuore tutta la Fssi, dal presidente al segretario, e tutti quelli che praticano attività sportiva per il sostegno ricevuto – dice il Dt Gerardo Di Gruccio -. Guardiamo con molta fiducia al prossimo Campionato Mondiale judo deaf, che si disputerà nell’aprile del 2020 a Parigi

Post correlati